RISORSE


PERSONALE

L'équipe degli operatori del settore socio-sanitario è pluridisciplinare: educatori, infermieri spichiatrici, OSA e assistenti di cura.

La pianificazione del fabbisogno del personale avviene valutando le necessità della casistica accolta (gravità), le situazioni a rischio, i motivi delle ospedalizzazioni dell’anno precedente. In base alle direttive DSS vengono poi esposte le proposte durante l’incontro per la discussione del preventivo. L'Autorità Cantonale  decide quanto personale viene attribuito attraverso  il contratto di prestazione.

Il personale viene scelto in seguito alla pubblicazione di un concorso o fra candidature spontanee.

Il personale viene assunto dal Comitato con un contratto scritto, nel quale sono fissati lo stipendio, le ore lavorative, le vacanze, i diritti e i doveri del collaboratore.

Al contratto di lavoro viene allegato il Regolamento interno della Casa e le disposizioni INSOS, che assieme al Codice Deontologico si trovano sempre a disposizione in struttura e in formato digitale. La Casa della Giovane promuove una politica attenta alla prevenzione degli abusi e maltrattamenti.

Ogni collaboratore ha il proprio mansionario in base alla funzione che ricopre.

La pianificazione dei turni di lavoro e delle sostituzioni del personale socio-sanitario è organizzata dalla Direzione alfine di garantire all’interno della Struttura una presenza adeguata 24 ore su 24 e per tutto l’anno. Per il resto dei collaboratori i turni sono fissati annualmente .

La contabile e la segretaria controllano e aggiornano il conteggio delle ore lavorative effettuate da tutto il personale, che lo riceve a fine mese con lo stipendio.

Almeno una volta all’anno la Direzione procede a dei colloqui di valutazione del personale, che hanno come obiettivo di valutare il lavoro svolto e la verifica della soddisfazione del personale.

Durante l’incontro viene generalmente valutato il lavoro dell’anno e vengono stabiliti gli obiettivi futuri da perseguire. Di norma la compilazione del modulo di valutazione avviene al momento dell’incontro, la firma del dipendente ne definisce l’approvazione.

FORMAZIONE

La Casa della Giovane sostiene la formazione continua, il perfezionamento e l’aggiornamento del proprio personale, raccogliendo e considerando le richieste e i bisogni formativi e definendo i temi che ritiene pertinenti al miglioramento della qualità e dei punti deboli individuati.

Viene data la possibilità ad ogni collaboratore di inoltrare alla Direzione una domanda scritta di congedo per formazione, che verrà poi vagliata con il Comitato, tenendo conto delle esigenze di servizio. Possono esser concessi fino a 20 giorni di congedo pagato per la formazione sull’arco di 4 anni.

Alla conclusione di un corso il collaboratore redige un rapporto o presenta il contenuto del corso in riunione, in modo da creare uno spazio di condivisione con i colleghi di lavoro. Copia di un’eventuale attestato di frequenza deve essere consegnata alla Direzione.

Ogni collaboratore a fine anno redige un documento che attesta l’auto formazione.

Il personale è informato dei progetti che riguardano l’Istituto.

La Casa mette a disposizione del personale per la formazione l’intero montante riconosciuto a preventivo dal Dipartimento Sanità e Socialità Bellinzona (DSS).

Regolarmente tutto il personale socio-sanitario beneficia di una consulenza da parte di un medico psichiatra o psicoterapeuta (supervisione/intervisione). Di regola i temi di formazione scelti vengono definiti e pianificati annualmente.

RIMBORSO SPESE

Il personale ha diritto al rimborso delle spese per trasferte effettuate per motivi professionali, secondo il tariffario stabilito dal Dipartimento Sanità e Socialità (DSS) e fino all’importo massimo fissato a preventivo.

SCIOGLIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO

Lo scioglimento del rapporto di lavoro può avvenire per dimissione, licenziamento o pensionamento.